25 Maggio 2019 - 3:27 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

CapitolatoZavattaro Exxx…Polzive!!! Domani apertura buste della gara per distributori automatici servizio sanitario regionale FVG: 24milioni di euri. Esplode il caso della concorrente ILLIRIA Spa multata dall’AGCOM per 5milioni di euri. Esclusivo, perché la gara è a rischio annullamento

La società Illiria spa, che partecipa alla gara milionaria sui distributori automatici, è stata sanzionata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per un importo superiore ai 4 milioni di euri. Provvedimento N°26064/2018.

Le buste della gara in questione, saranno aperte domani alle ore 14 presso la sede ARCS di Udine. Valore della concessione: 23 milioni e 471mila euri per 5 anni. Piatto Ricco mi ci Ficco!

Il provvedimento di affidamento in concessione concepito dall’EGAS nell’aprile 2018 e perfezionato dall’ARCS del manager Zavattaro, dirigente responsabile Elena Pitton, finisce nella bufera. I concorrenti sono preoccupati per i rischi impugnazione che potrebbero nascere a causa del concorrente sanzionato. Perché ILLIRIA Spa che partecipa alla gara di domani è stata sanzionata? La relazione dell’attività istruttoria degli ispettori lo rivela esplicitamente. Scrive l’autorità (valutando Illiria spa e altre società finite sotto i riflettori dell’autorità NdR): “… si configura un’intesa unica complessa e continuata, finalizzata a limitare il confronto concorrenziale tra le imprese…”. Aggiungendo che:

“Appare evidente un artificiale “ingessamento” del mercato e limitazione di una politica competitiva”. Bufera planetaria.

Nello stesso provvedimento vengono riportate le mail che rivelano il sistema compensativo nell’attività delle società coinvolte. Il modus operandi era questo: una società aveva sottratto inavvertitamente un cliente ad una concorrente, che scrive: “Ecco la mail della mia commerciale…la metto a compensazione? La gestiamo sul locale? Lunedì ti passerò (al cliente da compensare NdR) 700 erogazioni su una banca dove vi hanno chiamato e io uscirò elegantemente”.  

Per questo motivo, c’è l’elevato rischio che la gara di domani possa finire sub judice, annullata, concorrenti molto preoccupati. L’importo è importante, inoltre va considerato che alcune aziende partecipanti sono state ammesse a tutti i lotti, violando la sentenza del Consiglio di Stato del 26 febbraio scorso che prescriveva: “Le amministrazioni aggiudicatrici devono recepire le norme del diritto comunitario in materia di suddivisione dei lotti che non devono superare il 50% del totale.” In questo provvedimento appaiono aziende ammesse in tutti gli 8 lotti (ASUITS-AAS2-AAS3-ASUIUD-ASS5-BURLO-CRO-EGAS) del Servizio Sanitario Regionale del Friuli Venezia Giulia. Nel nome della tutela della concorrenza e del mercato. Gara a rischio. Il manager della Mayella nella bufera.

Related posts