18 novembre 2018 - 11:26 am


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

CENTRODESTRA, I DIKTAT DI SALVINI: VETO SU TOSI, ZANETTI, LUPI; MELONI RIVENDICA IL PRESIDENTE FVG A FRATELLI D’ITALIA

E’ Amedeo Lamattina su “La Stampa” che offre una lettura molto completa del cataclisma che si sta abbattendo sul centrodestra. Ecco alcuni brani tratti dal giornale di oggi, lunedì 8 gennaio.

“…Al pranzo dei vincitori in pectore delle prossime elezioni politiche, Silvio Berlusconi aveva il tono e la postura dei momenti solenni. (…) sarà lui a garantire, in Italia e all’estero, un governo di moderati con una Forza Italia radicata nei valori del Ppe, «di gran lunga la maggiore forza politica della coalizione», il baluardo che non lascerà «spazio a tentazioni demagogiche». 

Berlusconi non ha nessuno di questi problemi. Dipendesse da lui candiderebbe tutti. Alla fine è passato il «lodo Meloni» ovvero le candidature della quarta gamba saranno decise solo ed esclusivamente dai tre leader. Non avranno un collegio uninominale chi è stato nel centrosinistra. Veto su Tosi, Lupi e l’ex viceministro all’Economia del governo Renzi Enrico Zanetti. Dovranno essere eletti nelle loro liste, nella quota proporzionale, se supereranno la soglia del 3%. Sarà un comitato a dare l’ok alle candidature. (…)

Rimane il fatto che il centrodestra si poggia su quattro forze politiche. “E dovremo dare prova di coesione e unità…”

I tre leader si rivedranno la prossima settimana, forse a via Bellerio, anche per definire le candidature alle regionali dopo la novità della non ricandidatura di Maroni. È stato uno dei motivi di attrito perché la Lega vuole indicare il successore lombardo e candidare pure uno dei suoi in Friuli Venezia Giulia (il capogruppo Fedriga). Meloni ha detto che no, quella regione tocca a Fratelli d’Italia. Il Lazio andrà a un candidato di Fi.

«Troveremo una soluzione a tutto», ha calmato gli animi Berlusconi, che avrà pure Maroni in Parlamento. Una carta più utile a lui che a Salvini in caso di vittoria. Lo indicherà quando si porrà il problema della premiership? Intanto il pranzo è finito nel segno dell’unità che avrà la massima espressione nella lista unica per gli italiani all’estero. (…)

Related posts