27 aprile 2018 - 2:55 am


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

Fedriga Exxx…Polzive!!! Il mondo rurale di Massimiliano: “Riscriverò il piano di sviluppo rurale, istituirò la delega all’agronomia, no assessori consiglieri, devono dare le dimissioni se vogliono entrare in giunta”. Mugugni tra i consiglieri

Mugugni tra i potenziali consiglieri regionali per via dell’aut-aut di Fedriga sull’eventuale assetto giuntale ribadito ieri sera a Martignacco: o assessore, o consigliere, tertium non datur.

Mentre Di Maio raggiungeva Udine dopo il bagno di folla al Vinitaly, una decina di trattori trovavano posto di fronte all’auditorium Impero di Martignacco simbolicamente parcheggiati per accogliere Fedriga, il candidato presidente triestino che fa impazzire i friulani. Mai successo, lo ammette anche Zampa: “Io, agricoltore, non avrei immaginato di sostenere un candidato triestino”.

La platea dell’auditorium, che attende il bel tempo per seminare il granoturco, applaude. Il dibattito, organizzato dall’avanguardista rurale Saro, riserva notevoli spunti, non solo di carattere tecnico. Sul palco si confrontano il prof Pascolo, Filipputti, Zampa, Fedriga, Vuga; Saro impegnato a suggerire a Fedriga il programma dell’assessorato all’agricoltura. In caso di vittoria il candidato annuncia: “Riscriverò il programma di sviluppo rurale regionale, istituirò la delega all’agronomia, avrò un contatto diretto con Zaia per migliorare il settore dell’agricoltura della nostra regione, infine – aggiunge Fedriga – dovessi vincere, come ha giù detto, i miei assessore dovranno rispettare il programma, il nostro programma, non voglio assessori consiglieri: o l’esecutivo oppure il consiglio e se non rispettano il programma saranno respinti.

Che il tema dell’agricoltura sollevi interesse trasversale lo si è visto dalla partecipazione di molti candidati ambiziosi di ricoprire la carica di assessore all’agricoltura: Luigi Toller, Luca Ovan, Sergio Bini, Emanuele Zanon, Barbara Zilli,Tosolini, Barberio; presenti anche i tre candidati sindaci di Martignacco, Catia Pagnutti, Casali e Venuti.   

Related posts