26 Marzo 2019 - 3:37 am


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

GovettoGiò Exxx…Polzive!!! E’ il baciapile del Bearzi l’homo novus del centrodestra udinese: travolge l’insussistenza di ForzaTragica di Zanin, Anzit, Berti, Ricccardi e Savino; asfalta VestagliaFontanini. Belviso chiede solidarietà all’Aquatek srl fornitrice del CAFC da cui riceve circa 800mila euri/anno. Elenco fatture

ForzaTragica non riesce a far eleggere nemmeno il proprio candidato in un quartiere di Udine. Ma la cosa più sorprendente è che il coordinatore provinciale del CerchioTragico, Ferruccio Anzit, è stato dipinto dall’asfaltato Belviso come un paraculo e beneficiato dal Consorzio Friuli Centrale per via degli importi che gli vengono riconosciuti. Il presidente del CAFC è Salvatore Benigno, uomo-chiave nella bassa friulana per conto di Zanin.

Il Perbenista, mai smentito, narra: “L’attività primaria di Aquatek srl è la rilevazione idrica (…) la società è posseduta al 65% da Stefano Varuti e al 35% da Gianpaolo Graberi (uomo dell’assessore sulla graticola Riccardi ndR). Vice presidente l’imbucato Ferruccio Anzit. Il Perbenista, mai smentito, fa quattro conti sulle fatturazioni dei primi 5 mesi del 2018 e scopre che raggiungono i 315 mila euri. E fin qui Il Perbenista.

A completare l’importo delle fatturazioni per il 2018 e parte del 2019 ci pensa Leopost. E la cifra è spaziale: oltre 850mial euri!!! PiattoRicco mi ci ficco. ForzaTragica è questo: paraculi e leccaculi e poltrone per gli amici. Ed ora, il quadro della disperazione del centrodestra di Udine.  

Nemmeno i fenomenali Aldo Giovanni e Giacomo sarebbero capaci di raggiungere vette di grottesca comicità come quella dei Monty Python di Fontanini, sindaco di Udine. Su pressione dei BenitoRemix, a Udine vengono reintrodotte le circoscrizioni. E la maggioranza va in tilt. Ciò che è successo l’altro giorno in prima circoscrizione, maggioranza sbregata e candidato appoggiato dal sindaco (è la verità) Marco Belviso, asfaltato dai furbastri di Zanolla &Co, mette in luce ciò che tutti sanno: questi non soni capaci nemmeno di far eleggere un loro uomo in un quartiere. 

Cari centrodestristi udinesi, per pietà, occupatevi di Givigliano, di spartizione di poltrone per morti di fama, bande della Julia, aringhe, rimborsi spese, libri per friulano, stavoli, sentieri, primule (anzi, neanche quelle…, Orto Botanico), mucche al pascolo, strette di mano, pranzi, mostre…, ma lasciate stare la città più elegante del NordEst. Siete incapaci. Questo non ha nulla a che vedere col centrodestra mercatista di Mattiussi, quello berlusconiano, blasoniano, biniano e quello dell’infaticabile partita iva. A Udine invece si staglia il volto più parassitario del centrodestra, ben superiore al centrosinistra, irriconoscibile. Saldo e stralcio, parassiti.  Ecco le fatture Aquatek, Cafc.

 

 

Related posts