20 Settembre 2019 - 6:39 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

PalazzinariLeghisti Exxx…Polzive!!! Udine sfigurata: svelato il motivo dell’accanimento del sindaco Fontanini e dell’assessora Laudicina contro il Contarena: ecco l’offerta da quasi 300mila euri che la Peratoner srl di Trieste ha inviato al comune per subentrare. Esclusivo.

 

L’attuale gestione del Contarena di Udine sotto attacco. Spuntano carteggi che rivelano un profilo di stampo sudamericano dietro l’accanimento da parte di un assessore leghista contro la “Spritz time” di Lignano, attuale società che conduce lo storico locale udinese. Il carattere del contenzioso potrebbe sfiorare la turbativa d’asta, l’abuso d’ufficio e molto altro. Spunta anche una richiesta di pareri all’avvocatura da parte della giunta per individuare eventuali cavilli che permettano lo sfratto ingiustificato (prossimamente tutta la documentazione). Dal 21 maggio 2018, data in cui al protocollo del comune di Udine è arrivata l’offerta di subentro da parte della Peratoner srl di Trieste, l’assessora comunale con delega Laudicina, ha iniziato ad occuparsi morbosamente della faccenda. Probabilmente i circa 300mila euri che la società triestina ha messo sul piatto come offerta per impadronirsi del locale, devono aver ingolosito gli amministratori. Udine sfigurata. 

I sospetti del blogger sugli interessi da parte di esponenti della maggioranza populista di centrodestra sullo storico locale Contarena di Udine, erano fondati. I due documenti esclusivi, protocollati rispettivamente il 21 maggio e il 22 ottobre 2018, lo dimostrano. In maggioranza si va formando un “cartello” che ricorda quello di Escobar, avallato dal sindaco più inutile della storia udinese, imbastito per colpire non solo lo storico locale udinese, ma anche alcuni locali che fanno gola agli esponenti della giunta più disinvolti. Altro che affitti pregressi o ispettorati. Udine sfigurata dai vandali, dai palazzinari che richiamano alla memoria il coté sudamericano di Pablo Escobar. Potere, complicità, mesate e cemento. Ed è solo la prima puntata. La seconda, che dimostra come Udine sia diventata la Caracas d’Europa, sarà pubblicata nei prossimi giorni.  

Related posts