20 Settembre 2019 - 6:53 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

ParentopoliFvg Exxx…Polzive!!! Sanità Fvg nelle mani di Serracchiani. Zavattaro dispone l’assunzione definitiva del nipote dell’ex assessore Telesca; ieri si è dimesso il ViceCommissario dell’ARCS, Paolo Cannas. Ipotesi di danno erariale a carico di Pantalone friulano per il mancato preavviso. Esclusivo.

Il magheggio per l’assunzione definitiva di Nicola Bortolotti, nipote dell’ex assessore alla sanità del Friuli VG, si è concretizzato ieri col gioco dei 4 cantoni: Telesca, Marcolongo, Poggiana e Zavattaro. Riccardi in mezzo, osservatore distratto. Tutte le ipotesi sollevate dal blogger (6 luglio 2018) sono state confermate. L’ex assessore Telesca avrà così un canale diretto d’informazione sull’attività dell’azienda di coordinamento della sanità Fvg. La delibera è di ieri, 13 giugno, ed è anche l’ultimo atto del direttore amministrativo dell’azienda, Paolo Cannas. Sul fenomeno Cannas occorre ritagliare uno spazio particolare.

Come i lettori sanno, circa una settimana fa il vice commissario dell’Arcs Fvg è stato indicato come commissario straordinario dell’azienda ospedaliera “Brotzu” di Cagliari. Lo stesso Cannas, il 7 giugno scorso, ha comunicato le proprie dimissioni a Zavattaro. Quest’ultimo ha preso atto e firmato (lui solo) la delibera (delibera). Occorre ricordare che l’incarico di Paolo Cannas era disciplinato da un contratto di diritto privato e che in forza di questo documento le dimissioni del dirigente devono essere comunicate almeno 30 gg. prima. Con nota dell’11 giugno invece, il dott. Paolo Cannas ha chiesto e ottenuto che il periodo di preavviso fosse limitato a una settimana e domandando l’accettazione delle dimissioni a far data da ieri, giovedì, come ultimo giorno lavorativo. Il direttore generale Zavattaro, voluto dalla coppia, Pericolante-Riccardi e Barbina, tira un doppio bidone planetario ai friulani. Il manager della Mayella delibera di non applicare quanto previsto dall’art. 10 del contratto di diritto privato, ovvero i termini di preavviso e di concedere così anche l’ultima mesata senza alcuna trattenuta. Al bidone di 5 mesi in parcheggio pagati in Friuli si aggiunge il bonus di circa 10mila euri che l’amico Zavattaro gli ha donato. Per l’intanto la sanità friulana finisce nel caos. 

Alle 8 di stamattina al Pronto Soccorso di Cattinara di Trieste per un codice giallo, 1 ora di attesa, per il codice verde oltre 3 ore. Domani la manifestazione in difesa del punto nascita di Palmanova. Sabato prossimo, 22 giugno, la risposta di Latisana. Il sindaco Galizio invita la popolazione in piazza. Il resto è un Calvario. Per i lettori, ecco ciò che scriveva la pagina dello scandalo circa un anno fa: 

6 luglio 2018

Nicola Bortolotti? è il nipote dell’ex assessore alla sanità del Friuli Venezia Giulia, il sanitario è stato assunto due anni fa all’EGAS dal direttore generale Massimo Romano (subentrato in modo rocambolesco alla Bensa), grazie a un concorso indetto dall’azienda sanitaria isontina diretta dal dott. Poggiana.

Quel primo concorso prevedeva un contratto di tre anni a tempo determinato, troppo precario; a fine marzo, Telesca, avvia l’iter per un secondo concorso relativo non solo all’assunzione di un dirigente analista a tempo indeterminato, ma anche a predisporre una nuova graduatoria che in futuro si rivelerà molto utile. Al primo posto si classifica Alessio Gasparetto che viene subito assunto, ma al secondo posto (per non dare nell’occhio) si piazza Piero Pascolo e al 4° Nicola Bortolotti che, per effetto dello scorrimento delle graduatorie, sarà ri-assunto a breve, con contratto a tempo indeterminato. Salvare parentopoli. Telesca tartufesca. 

NB. L’ex assessora ha querelato il blogger.

Related posts