17 dicembre 2018 - 9:23 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

TriesteRegina Exxx…Polzive!!! Sbreghi regionali nel centrodestra in consiglio comunale: su regolamento crocefisso e PoliziaLocale, Fratelli d’Italia e Lega espellono Forza Italia; ProgettoFvg apre le porte ai delusi della CupolaForzista

Forza Italia Fvg sempre più isolata. Il malcontento di parecchi amministratori del comune di Gorizia in procinto di trasferire armi e bagagli con ProgettoFvg-Un’altra Regione in comune e vertici azzurri di Pordenone confluiti ormai coi gialloblù di Bini e Saro-Calamita, provoca danni irreparabili.

A Trieste, in consiglio comunale, si apre uno sbrego di dimensioni carsiche. Tutto nasce dalle modifiche al regolamenti comunali votate dal consiglio comunale giuliano lunedì notte: armamento dei vigili urbani e grembiulini e crocefisso nelle scuole. 

Mercoledì, 24 ore dopo il voto, Angela Brandi e altri forzisti avevano convocato un incontro per illustrare i contenuti del nuovo regolamento, da soli.

Gli alleati di Lega e Fratelli d’Italia, ieri hanno replicato per le rime, irritati dalla mossa autonoma degli azzurri e hanno rivendicano il ruolo giocato nella doppia partita. Apriti cielo! Durante la conferenza stampa organizzata da Lega e Fratelli d’Italia per rivendicare il ruolo di primo piano sul crocefisso nelle classi e sulle pistole, i consiglieri presenti hanno insistito per mettere i puntini sulle i e rispondere a Forza Italia che, giovedì, li aveva battuti sul tempo promuovendo sugli stessi temi una conferenza “in solitaria”.

«È inutile nasconderci dietro un dito – ha messo subito le cose in chiaro il “patriota” Claudio Giacomelli -, siamo sorpresi ed irritati dall’atteggiamento di Forza Italia, anche perché pensavamo ci fosse un percorso condiviso all’interno della coalizione, ma evidentemente per loro non è così. Noi oggi rivendichiamo il nostro ruolo ed il nostro impegno in aula». «Abbiamo deciso di convocare la stampa – ha aggiunto il neoacquisto della Lega, Everesti Bertoli – perché era necessario puntualizzare che la maggioranza degli emendamenti ai due provvedimenti arrivano proprio dai nostri due partiti». Inevitabilmente, questo cortocircuito di fughe in avanti di matrice forzista, sta provocando un marcato malessere nella maggioranza del consiglio comunale triestino, al punto che più di qualcuno avverte pericolosi movimenti di natura tellurica che si estendono fino alla sede del consiglio regionale e percuotono l’aula in vista della seduta di martedì 4 dicembre. Votazioni su Corecom e Paritetica. Le scosse triestine potrebbero alterare le indicazioni dall’alto sulla scelta del presidente della paritetica.

Del resto, agli alleati gli si stanno girando i coglioni a furia di posti, posti e poltrone che la cupola del partito-idrovora di quella Forza Italia erede del badogliano Fini, pretende: presidente della paritetica, portavoce del presidente del cerchio traggico (due G), la presidenza di Autovie Venete, la presidenza casa di riposo La Quiete di Udine, consiglio di Fvg Strade, vice presidenza giunta. Ecco perchè anche Berlusconi-Tajani si sono rotti i cosidetti dell’albergo Forza Italia…

Related posts