18 novembre 2018 - 11:28 am


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

Udine FarWest Exxx…Polzive!!! L’usurpato Antonio Pittioni da oggi è consigliere comunale della Lega, vince il ricorso al Tar e scalza l’assessora Battaglia; scoppia un caso politico; il consulente Tutino: “Chiederò un risarcimento ai responsabili e l’annullamento dei provvedimenti amministrativi”.

A causa di negligenze e disinvolti adempimenti nella fase del conteggio dei voti, il candidato consigliere della Lega Antonio Pittioni ha dovuto attendere 6 mesi per vedersi riconoscere il numero di voti che gli era stato negato, ben 15; quelli che gli consentono di raggiungere 57 preferenze e che gli spalancano le porte del consiglio comunale di Udine. Ha scavalcato Di Betta, Agostinelli, Foramitti e, soprattutto, Asia Battaglia ferma a 53 la quale, da oggi, decade da consigliera comunale. Secondo alcuni esperti, in casi come questi, in cui è palese l’errore degli scrutinatori, tutti i provvedimenti amministrativi di consiglio in cui ha votato la consigliera Asia Battaglia, dovrebbero essere annullati.

Il consulente del lavoro Simone Tutino, che segue per questioni professionali il neo consigliere comunale Antonio Pittioni, tiene a precisare che il suo assistito, dopo la sentenza del Tar, chiederà il risarcimento danni ai responsabili per le inadempienze e le trascuratezze compiute da coloro che verificavano e ufficializzavano gli esiti del voto; la vicenda investe anche profili penali che sono seguiti dall’avvocato Sante Tutino. In alcuni casi sulla scheda appariva il nome di Pittioni in stampatello, eppure la scheda è stata annullato.

Ma al dato tecnico si aggiunge quello più spigoloso che è profondamente politico. Un gruppo di consiglieri regionali molto vicini a Pittioni, ritengono che, con l’esclusione di Asia Battaglia dal consiglio comunale (53 voti), sia inevitabile un rimpasto di giunta giacché le consigliere Claudia Basaldella(68) e Lorenza Ioan (63) hanno preso più voti della cocca di Fontanini. Quale legame autonomista cementa il sindaco con l’irremovibile assessora? Consiglieri regionali sul piede di guerra.

Per questi motivi, e per una semplice questione meritocratica, i consiglieri regionali auspicano che il sindaco di Udine Fontanini riconosca il giusto premio alle consigliere che hanno ottenuto più consensi dell’ex assessora provinciale di Udine (53 voti).  

Related posts