20 Settembre 2019 - 6:36 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

VidoniEsplosioni Exxx…Polzive!!! Fratelli d’Italia perde il consigliere comunale più “pesante” di Udine: LucaVidoni pronto a tagliare la corda dai gerarchi locali ed approdare nel gruppo misto: Non c’è dialogo; l’assessora inutile Olivotto senza copertura. Ugo Falcone candidato sindaco a Basiliano. Tondo concede una settimana di tempo a Fontanini per decidere sul suo assessore

Nemmeno il tempo di metabolizzare lo strappo fra Forza Italia e Udc in consiglio comunale a Udine, che il gruppo dei comici si trova esposto a un altro sbrego da Champions. VidoniEsplosioni.

Si tratta del consigliere comunale di Fratelli d’Italia più pesante della storia di palazzo D’Aronco: un eletto, Vidoni, per due assessori: Olivotto e Perissutti.

Luca Vidoni, giovane rivelazione politica udinese è l’unico consigliere del partito della Meloni che siede in comune a Udine. Eppure, a quanto trapela dal palazzo, Vidoni, rispetto alle decisioni politiche assunte dai vari maggiorenti locali, non verrebbe mai interpellato. L’esempio più clamoroso è stato quello dell’indicazione dell’assessore. Tutti sanno che Olivotto (ora in trasloco) è stata imposta ai vertici locali (Candotto provinciale e Falcone comunale) dal commissario ombra Daniele Franz a insaputa di tutti gli iscritti udinesi. Ultimamente i rapporti si sono ulteriormente lacerati, corrono voci di iscritti che si sarebbero autonominati responsabili in alcuni comuni della regione, si ha notizia che Ugo Falcone vuole candidarsi sindaco a Basiliano (Ud); decisioni che sarebbero state prese senza alcun coinvolgimento degli iscritti. Un partito di gerarchi senza soldati. Per questi motivi, su Luca Vidoni, responsabile politico del partito in città (essendo l’unico eletto), stanno girando le voci più disparate, anche quelle di un suo possibile trasferimento nel gruppo misto. Maggioranza dei comici nel kaos. Dopo il divorzio dell’Udc da Forza Italia, il caso Pizzocaro (uscito da Autonomia Responsabile), gli strilli innocenti del trio degli spaesati (Pittioni, Ioan, Cunta), le richieste ignorate di ProgettoFVG-identità civica, l’11° assessore cui tutti si rifiutano di accogliere e i magheggi compiuti per imbucare i riciclati nelle circoscrizioni, irrompe il caso Luca Vidoni che incrocia la copertura dell’assessore compensato: l’inutile Silvana Olivotto in quota Daniele Franz.

Tuttavia gli agitatori si trovano d’accordo su un punto: dare all’improrogabile verifica di maggioranza il carattere dell’urgenza e discuterla prima delle europee. In questo senso Tondo è il più determinato e dopo l’incontro di venerdì con Fontanini, il parlamentare, in accordo col segretario Giulia Manzan, ha concesso una settimana di tempo, al massimo due, per decidere sull’assessore in quota Autonomia Responsabile. Il nome è già sulla scrivania del sindaco. Tondo-Manzan non hanno nessuna intenzione di attendere fino a maggio.

Sullo sfondo si staglia il disorientamento amministrativo di Vestaglia-Fontanini, ma questo appartiene a un’altro girone.

Related posts