17 Luglio 2019 - 9:01 am


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

Ziberna Exxx…Polzive!!! Chi decide sulle province speciali? Saro o i sindaci? Il sindaco di Gorizia sbrega Progetto FVG e rade al suolo i commensali del patto della tartara di Trieste, Zanolla, Saro, Colautti e Dipiazza: “L’isontino non è in svendita”. Bini infuriato. Delirio di commenti in rete

Nel centrodestra è caos, caos ciclopico scoppiato improvvisamente dopo un pranzo avvenuto ieri a Trieste. La terza forza politica regionale vuole dettare la linea a Fedriga sulla madre di tutte le riforme: quella delle province, nel mirino dei goriziani finisce Saro-Treccartaro.   

Rodolfo Ziberna sindaco di Gorizia, è su tutte le furie. La questione è seria e riguarda la controriforma degli enti locali, le province speciali, che Fedriga ha annunciato di voler istituire entro l’anno. Fedriga ha annunciato, ma ProgettoFvg, nelle intenzioni del segretario Saro, vuole disegnare. L’incontro di ieri a Trieste, intitolato dal quotidiano Il Piccolo, il “Patto della tartara” fra il sindaco di Trieste Dipiazza, Alessandro Colautti, il segretario regionale Saro e il luogotenente di ProgettoFvg in consiglio comunale a Udine, Michele Zanolla, ha disvelato le intenzioni di ProgettoFvg: Gorizia sarà assorbita da Trieste. Saro decide anche per Fedriga. Bini, che mantiene un buon rapporto col presidente, completamente spiazzato. A Gorizia, che nessuno si è degnato d’interpellare, scoppia la bufera. Il sindaco Ziberna, isolato da Forza Italia, scaglia parole di fuoco contro Saro:  

“NO ALLA PROVINCIA CON TRIESTE: GORIZIA E L’ISONTINO NON SONO IN SVENDITA

(…) Ciò che sconcerta è il fatto che, da una parte, non si tenga in minima considerazione il volere unanime dei sindaci dell’Isontino, ma anche dei consiglieri regionali, contro la provincia unica con Trieste, espresso chiaramente durante un recente incontro pubblico a Cormons e, dall’altra, si pensi di decidere le sorti dei territori del Friuli Venezia Giulia durante una cena goliardica fra pochi intimi, salvo poi pubblicizzarla scientemente sulla stampa per vedere l’effetto che fa. (…) Forse – osserva Ziberna –  siamo di fronte a una voluta provocazione che diventa una sorte di prova per vedere chi conta di più nel Centro destra. Gorizia – ribadisce il sindaco –  non è in vendita. A questo punto, però, chiedo chiarezza alla giunta regionale (…) i cittadini hanno il diritto di sapere qual’è l’orientamento dell’amministrazione regionale e se vale ancora quanto assicurato da Fedriga, che nessuna decisione sarà assunta se i territori non saranno d’accordo. Se c’è il coraggio, si giochi finalmente a carte scoperte”. Così la furia del sindaco. Poi ci sono alcuni commenti che meritano di essere ripresi, interviene anche il sindaco di Trieste Dipiazza.

Related posts