30 Ottobre 2020 - 6:14 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

AquileiaFerita Exxx…Polzive!!! Il presidente della Fondazione Zanardi Landi sbatte la porta e si dimette. Due anni fa le prime scintille con l’assessore para-forzista Gibelli. Forza Italia stordita. Esclusivo.

Col primo dicembre, Zanardi Landi non sarà più il presidente della Fondazione Aquileia. Sbrego imperiale determinato da ragioni di insofferenza per una cronica «mancanza di coordinamento con chi gestisce i fondi, nazionali ed europei, stanziati e ancora lì». Ringraziamenti per tutti, soprattutto al capo dello Stato, all’ex presidente FVG Serracchiani e a quello attuale Fedriga. Escluso l’assessore alla cultura Gibelli.    

 

 

Le ragioni delle dimissioni del presidente della Fondazione Aquileia affondano a due anni fa, novembre 2018 quando dall’Austria, dove si trovava, il diplomatico tuonava: 

“…Da Vienna dove mi trovo, apprendo del taglio di 2 milioni di euro nel bilancio di previsione regionale alla dotazione finanziaria della Fondazione Aquileia. Agli amministratori di una Fondazione non fa mai piacere vedere una riduzione delle risorse finanziarie (…). Eppure – prosegue con tono ironico il diplomatico – devo riconoscere che la decisione dell’assessore Zilli è razionale e conseguente. Essa è infatti perfettamente in linea con l’atteggiamento e il trattamento riservato alla Fondazione ed ai progetti di valorizzazione in corso dall’assessore alla Cultura, dottoressa Gibelli, che nei confronti delle nostre attività dimostra quello che appare un marcato disinteresse”.

Il «marcato disinteresse» che ha provocato la decisione definitiva. Dal 1 dicembre l’ambasciatore Zanardi Landi non sarà più presidente della Fondazione.

In una lettera inviata al Messaggero Veneto e dopo aver avvertito il presidente Fedriga, il diplomatico spiega le ragioni:

«…La gestione del grande patrimonio di Aquileia, che tanti risultati positivi ha avuto negli ultimi anni, soffre oggi di ritardi importanti nell’impegno di fondi nazionali ed europei stanziati ormai da più di due anni e di una grave mancanza di coordinamento…». Il presidente rileva che «La recentemente annunciata istituzione di un Ufficio Unico per Aquileia per la gestione degli appalti, rappresenta una soluzione tardiva che ERODE COMPETENZE della Fondazione».

Significativa e tagliente la rassegna delle autorità che il presidenze ha voluto ringraziare e con cui ha condiviso oltre 5 anni di intenso lavoro:

Il capo dello Stato, la presidente Serracchiani «che mi ha arruolato», il direttore Tiussi, i collaboratori della Fondazione e il Messaggero Veneto. Bufera Giuntale. 

Related posts