4 Luglio 2020 - 6:26 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

AsiaBattaglia Exxx…Polzive!!! L’assessora scuote il centrodestra dei disperati udinesi: Prendiamo 3.000 euri/mese senza merito e solo per essere paraculate, “Le sfide si vincono sul campo”. Fontanini costretto surrogare le sue vestali: Perissutti, Olivotto e Battaglia stessa. Basaldella: “Avvilente per noi donne avere un posto senza merito”

Una mozione che prevedeva un rafforzamento della rappresentanza femminile, Comitato 50/50, nelle istituzioni, bocciata dalla maggioranza di centrodestra che guida palazzo D’Aronco. Il CerchioTragico dello stordito Fontanini ha fatto un salto sulla sedia: la mia maggioranza non c’entra nulla col merito!. 

Tre assessore in rosa, tre paracule che si fanno beffa del voto del centrodestra in consiglio comunale di lunedì sera:

Silvana Oliotto (area Codardo), zero preferenze; assessora comunale esterna a 3.000 euri/mese, siede in giunta solo perché imbucata dagli amici.

Daniele Perissutti (area Codardo e Benito-Remix), 3.000 euri/mese in quota rosa, 10 voti; è arrivata dietro a Rossella Anticoli (24), Barbara Sabbadini (16) e Michelina Soriano (12).

Asia Battaglia (area Benito-Remix), assessora a 3.000 euri/mese, alle ultime elezioni di Udine è stata superata da Laudicina (94), Basaldella (68) e anche dalla Ioan (63), eppure, solo perché cocca di Fontanini, è in giunta. Tre assessore sulla graticola e nel mirino delle colleghe che, immeritatamente, sono fuori dalla giunta.

Le notizie si rincorrono, soprattutto dopo il voto del consiglio comunale di lunedì sera che ha bocciato la mozione di sentimenti sottoscritta da Enrico Bertossi che chiedeva di rafforzare la rappresentanza femminile nelle istituzioni, le tre assessore: Elisa Battaglia, Daniela Perissutti e Silvana Olivotto, dovranno, giocoforza, cedere il posto: basta leccacule.

La scelta dolorosa è confermata dal fatto che la stessa assessora delegata alle pari opportunità del comune di Udine ha tenuto a precisare che: “Le sfide si vincono sul campo, non perché appartenenti a un sesso o ad un altro” (53 voti). Dal canto suo, la stessa collega di partito di Asia Battaglia, Basaldella (68 preferenze e fuori dalla giunta) ribadisce: “La meritocrazia è il principio in base al quale le responsabilità direttive e dovrebbero essere affidate ai più meritevoli. Trovo del tutto avvilente e quasi offesivo per noi donne avere un posto”. I nomi delle sostituite già si rincorrono. 

Related posts