20 Gennaio 2021 - 4:43 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CatastrofeTamponi Exxx…Polzive!!! I friulani rimpiangono la Serenissima Veneta: Oggi Zaia presenta il rivoluzionario test fai-da-te per il Covid. Esclusivo.

Mentre in Friuli la questione dei tamponi resta ancorata a piccoli rafforzamenti come quelli del drive-in presso il centro fieristico di Torreano di Martignacco, in Veneto il presidente Zaia annuncia per oggi una rivoluzionaria soluzione per evitare disagi ai residenti. Si tratta dei test fai-da-te. I Friulani rimpiangono la Serenissima Veneta. Il coordinamento del progetto è stato affidato alla Microbiologia dell’Ospedale di Treviso, diretta dal dottor Roberto Rigoli. Sarà presentato oggi da Zaia alle 12,30.

 

 

Domani, martedì, arriveranno nei magazzini della sanità veneta i primi 5.000 kit per l’auto-somministrazione del test. Oltre che a Treviso saranno diretti ad altre 4 o 5 Microbiologie regionali. La sperimentazione avviene “in doppio”: ogni esame eseguito con il ‘fai da te’ viene infatti verificato sul soggetto con il classico tampone molecolare, per testarne l’affidabilità. Si tratta, in sintesi, di un tampone da inserire nelle fosse nasali che poi va messo nel contenitore del reagente, per avere il risultato di positività o meno al SarsCov2. Il passaggio cruciale sarà la validazione da parte dell’Istituto superiore di Sanità (Iss) sulla base di vari parametri, non solo quelli relativi alla specificità e sensibilità del test, ma anche la chiarezza nell’esecuzione, il fatto che non mostrino aspetti di nocività, e altri ancora. Superato questo step, i kit “formato domestico” saranno pronti per la vendita nelle farmacie. Una rivoluzione nei processi di screening. Quando saranno disponibili costeranno in farmacia meno di 3 euro. Il Veneto ha già pronta la piattaforma informatica per raccogliere i dati di chi userà l’auto-test: l’app di biosorveglianza ‘Zero Covid Veneto’, che in settimana ha avuto il via libera per la la privacy dal Consiglio regionale, sulla quale i ‘positivi’ dovranno caricare gli esiti dei test per comunicarli alle autorità sanitarie.

Related posts