24 Maggio 2020 - 11:40 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

ElezioniFvg Exxx…Polzive!!! Approvata la normetta per prorogare le elezioni di Monfalcone e Codroipo, si vota nel 2022. Sbrego leghista. La grande corsa della Cisint. Esclusivo.

Scintille da fonderia in casa Lega soprattutto nel codroipese. Da una parte gli eretici (Zoratti, Frizza e Mizzau), dall’altra gli ortodossi locali guidati dal segretario cittadino Bozzini e gli iscritti che fanno capo a Cristian De Cecco. Sullo sfondo, il disinvolto lavorìo della Cisint che punta a candidarsi a presidente della regione. Procedamus.   

Come anticipato dalla pagina dello scandalo, nella seduta telematica di oggi, il consiglio regionale del Friuli VG ha approvato a maggioranza una normetta che rinvia di alcuni mesi il voto nei comuni di Codroipo, Monfalcone e Ronchi dei Legionari. Le ragioni di questa soluzione vanno ricercate nelle conseguenze del referendum sulla fusione dei comuni che imperversava nel 2016.

In quel tempo, sia Monfalcone che Codroipo diedero vita alla convocazione referendaria per affidare ai cittadini la scelta di unirsi con i comuni contermini (nel caso di Codroipo il comune da inglobare era Camino). Il referendum che si è tenuto nel giugno del 2016 ha di fatto rinviato la scadenza di 6 mesi. Infatti sia Monfalcone che Codroipo sono andati al voto nell’ottobre del 2016. Ora, il legislatore regionale, in particolare Fedriga e Roberti, con la scusa di evitare un voto a random, ha scelto una via armonizzatrice del voto alle comunali. Evitare elezioni fra diversi comuni a distanza ravvicinata. Un caos.

E un’occasione d’oro per consentire a Cisint, Vecchiet (Ronchi del Legionari) e Marchetti di allungare di alcuni mesi la scadenza. Tuttavia, soprattutto nel caso di Marchetti, la Lega si è letteralmente sfracellata, almeno a Codroipo. Gli ufficiali locali (la segreteria) avrebbero preferito che si andasse a scadenza naturale spurgata dal referendum, ovvero quella di giugno 2021 e non quella di ottobre, tantomeno quella del 2022. Quindi, in virtù di questa normetta, i 3 comuni in questione rinnoveranno gli amministratori insieme a Gorizia, Lignano, Tarvisio e molti altri.

In quanto alle nuove formazioni codroipesi che da alcuni mesi hanno aperto i tavoli di elaborazione dei programmi amministrativi, non vi sono particolari reazioni. La compagine degli Innovatori del duo Valoppi-Toso ritiene che una proroga di 6/7 mesi non sia un dramma, anzi c’è più tempo per profilare meglio programmi e candidati.

Related posts