20 Ottobre 2020 - 2:53 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

ElezioniFvg Exxx…Polzive!!! Maurmair superstar a Valvasone-Arzene. A Cividale Novelli rade al suolo la Lega: Bernardi primo sindaco travicello. A Caneva Lega battuta dalla civica del sindaco Dino Salatin. Video Esclusivo.

Cuore-Batticuore. Valvasone-Arzene premia l’autonomista Maurmair con il 76,31% dei voti. Sconfitta Luisa Forte, candidata dei area centrosinistra e appoggiata dalla forzista Mara Piccin. A Cividale si consuma la vendetta dei centristi guidati dall’onorevole Novelli di Forza Italia. A Varmo, Fausto Prampero, di area Lega, si afferma su Antonella Iacuzzi, la candidata sostenuta dal neo Patriota Fabio Marchetti e dal capogruppo al Senato di Fratelli d’Italia Luca Ciriani. A Caneva (Pn), la lista civica del sindaco Dino Salatin supera quella della Lega. Igor Alzetta eletto sindaco di Montereale Valcellina.  

 

 

Le valli del Natisone premiano i centristi. A Premariacco Demis Ermacora di ProgettoFvg è il più votato e a Cividale, Novelli-Forza Italia vola.

Il «caso» politico di questa tornata elettorale esplode nella città ducale. Forza Italia e i centristi di Progetto Fvg avevano fatto un passo indietro rispetto alle disposizioni triestine di Fedriga: Daniela Bernardi è stata imposta candidata della coalizione in luogo dell’onorevole Novelli. Detto, fatto.

Ingoiato il rospo, alla neo federazione moderata di Forza Italia e ProgettoFvg, non è rimasto altro che pedalare… e pedalare. E la patria di Paolo Diacono non ha tradito. Grande soddisfazione in casa Fratelli d’Italia per i due consiglieri eletti, l’uscente Davide Cantarutti e Lara Tosolini, su quest’ultima si sono accesi i fanali giacchè è una scoperta di Antonio Pittioni, esponente locale dei patrioti che ha strappato la Tosolini alla Lega di Udine dov’era candidata alle ultime comunali.

La lista centrista è la prima della coalizione e determinerà la navigazione della sindaca Leghista, Daniela Bernardi. Come si dice in questi casi, sarà un sindaco travicello. Le deleghe assessorili e il vice sindaco le decideranno i moderati. Una riscossa imprevedibile che rimpasta gli equilibri regionali in vista delle immediate scadenze sulle presidenze delle Comunità. Poi arriveranno le comunali del prossimo anno e le candidature alle nuove province. 

Related posts