3 Agosto 2020 - 10:27 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

LatrinaFriuli Exxx…Polzive!!! La fame di poltrone fa rinviare le nomine del CDA della Net. Approvato il bilancio. Il direttore Fuccaro tira il doppio di un ministro: 170mila euri/anno. Fontanini ride. La città sprofonda nellamerda. Esplode la guerra delle spartizioni. Si va a settembre assieme al Cafc e La Quiete. Esclusivo.

Il caso Net di Udine è da manuale della latrina friulana: 90 dipendenti dei quali solo 50 operai (15 distaccati da Onofaro), il resto impiegati. E un direttore generale che riesce a tirare oltre 160 mila euri/anno: 105 mila di tabellare, indennità di direttore 25mila, 22% premi produzione. Quasi il doppio di un ministro. Friulani in mutande.

Gli sbagliati di palazzo D’Aronco ridono e i cassonetti, come testimoniato dall’imperdibile Alessandro Russo, esplodono dimerda.

Com’era prevedibile, il rinnovo del CDA della Net è stato rinviato a settembre. Un mese di fuoco in cui dovranno incastrarsi le sistemazioni per i trombati, i perdigiorno, i parenti e gli amici degli amici che il centrodestra dovrà piazzare. Oggi è stato approvato il bilancio 2019 con un utile di oltre 1 milione e 300mila euri che non vuol dire niente rispetto ai salassi che l’utente è costretto a sborsare in cambio di un servizio inefficiente.

Oltre alla Net (quota Lega), a settembre esploderanno i petardi del CAFC dove il pericolante Zanin vuole riconfermare Benigno (Forza Italia) e il rinnovo della Quiete. In mezzo il caso A&T2000 che è sfuggito di mano al centrodestra giacché è rimasto in quota Pd. La fame è atroce e il tema è sempre lo stesso. A chi fanno gola le partecipate? a sistemare i perdigiorno, i trombati, i parenti e gli amici degli amici. Se non si trova l’incastro dettato dalle regole della partitocrazia, ciccia. Prima repubblica a go go.

Related posts