27 Settembre 2020 - 4:52 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

Le inchieste scottanti di De Magistris.

Udine invasa da studentesse squillo per pagarsi gli studi

Un tempo, Udine era una città tranquilla, non c’era bisogno di una ztl, non c’erano i parcheggi sotterranei e la disciplina dei giovani studenti dell’università era riconosciuta e invidiata in tutta Italia. Negli ultimi anni qualcosa è cambiato. Adesso, per sbarcare il lunario molte studentesse di questo prestigioso ateneo si prostituiscono per le strade della città . A denunciare il legame tra prostituzione e educazione universitaria non è il solito pruriginoso Messaggero Veneto, bensì La Vita Cattolica, il prestigioso settimanale diocesano che dal 1979 racconta la vita nell’Università di palazzo Antonini.
Secondo un lungo articolo apparso questa settimana sulla rivista, la prostituzione sarebbe diventata pratica comune di molte studentesse proprio perchè è la «strada più veloce e semplice» per fare denaro. Il pm De Magistris ha aperto subito un’inchiesta. Gli elementi che possiede si riferiscono alle confessioni rilasciate da alcune studentesse che hanno ammesso di aver lavorato per tutto il primo anno universitario come ragazze squillo. Il tariffario era di 10 euri all’ora. “Una volta che hai cominciato- ha detto una ragazza- il lavoro ti appare seducente. Se hai bisogno di soldi facili e veloci, è quello che fa per te». Per chi non è animato da alcun furore puritano, le “Udinbridges”, ricevono tutti i giorni, zona stadio, piazza Patriarcato, piazza San Giacomo e via Mercatovecchio. v.le Ungheria. Pare che a causa del clamore, il ministro Mastella voglia sollevare l’incarico al pm De Magistris

Related posts