21 Settembre 2020 - 11:25 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

LegaGiovaniFvg Exxx…Polzive!!! Le dimissioni dalle cariche di Andrea Siega fanno esplodere petardi formidabili: Il tarvisiano accusa di menefreghismo G.Marianini. Spunta il caso del 33enne segretario regionale Tomasella: Contro il regolamento. Esclusivo

Cosa accade in Lega? possibile che si tratti solo di incomprensioni e non invece di sotterranea lotta di poltrone?

Il profilo Bielorusso del Carroccio traspare anche nel settore giovanile. I vertici provinciali della Lega Giovani di Udine, dopo che Leopost ha pubblicato la notizia delle dimissioni da tutte le cariche (responsabile Alto Friuli e Comunicazione-Stampa del gruppo) di Andrea Siega, hanno cercato di minimizzare e di liquidare confusamente le dimissioni del responsabile Alto Friuli come “…semplici vicende accadute inter nos”.

In realtà è lo stesso Siega che, in un messaggio inviato a chi scrive, osserva: “…Ho preferito staccarmi dai giovani perchè il clima non è più costruttivo”. E aggiunge:  “Troppo menefreghismo da parte del coordinatore provinciale (Marianini, NdR). Buona giornata”.

Un siluro atomico che colpisce il cuore della Lega Giovani entusiasticamente germogliato e fatto crescere all’ombra delle colline bujesi. Le dimissioni di Andrea Siega non sono un fulmine a ciel sereno e lui stesso conferma che “era da tempo che ci stavo pensando”. Evidentemente sia al coordinatore Marianini che al responsabile social della provincia di Udine Davide Adorinni la situazione, causa interessi di parte, dev’esser sfuggita di mano. Resta il fatto che le accuse ai due sono molto pesanti e vedono coinvolti il segretario regionale Fedriga e il commissario provinciale Lizzi.

Ma c’è un altro sbrego che lacera l’ambiente dei giovani padani Fvg. E’ quello del pupillo del consigliere regionale Polesello, ovvero il consigliere comunale di Gorizia, Andrea Tomasella. E’ lui il segretario regionale che, dal settembre 2018, ha preso il posto dello stesso Polesello. Secondo l’anagrafe, Tomasella, nato nel gennaio del 1987, avrebbe superato abbondantemente il tetto dei 30anni che il regolamento della Lega per Salvini premier, fissa come età massima dei membri dei gruppi giovani. Una disinvoltura e un illecito regolamentari inaspettati per un partito che nutre simpatie per i regimi sovietici.

In ogni caso, dopo l’illecito del congressino udinese (Battaglia e le tessere farlocche), dopo  le dimissioni di Siega, il petardo del segretario regionale Tomasella fuori età e la costante attività di ripari per iscritti che travolge la Lega fin dai giovani militanti, il movimento appare sostanzialmente disorientato. Sullo sfondo il caso Fedriga-Discoteche che oggi con la notizia del ricovero di Briatore esplode in tutta la sua comicità.

Related posts