30 Ottobre 2020 - 6:21 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

ManiKomioCodroipo Exxx…Polzive!!! Chi sarà il futuro presidente AspMoro? Forza Italia svalvolata. Esclusivo.

Ducetto, scherzetto. Su chi ha puntato i fanali il sindaco di Codroipo (Ud) per la presidenza dell’ASP Moro? Esclusivo. Bruno Di Natale sempre più vicino ai patrioti e Forza Italia perde la bussola, i consiglieri azzurri cercano un capogruppo, Sandra Savino irreperibile. Graziano Vatri sbatte la porta dal circolo “LA TRIBUNA” in rotta di collisione col neo presidente, il questurino Thierry Snaidero, ormai isolato. 

Sbreghi e scintille da fonderia a Codroipo (Ud). Forza Italia resta orfana del capogruppo Di Natale sempre più affascinato dai patrioti di Fratelli d’Italia (alle elezioni comunali di Varmo ha sostenuto apertamente la candidata Iacuzzi contro il centro-leghista Prampero) e la coordinatrice regionale azzurra Sandra Savino, eletta alla camera nel collegio di Codroipo, se ne sbatte e ignora; la Lega di Bozzini-Bordin apre la campagna elettorale e incalza il ducetto sul piano regolatore, dal canto suo l’assessore Graziano Ganzit (auguri di pronta guarigione!) tuona contro l’immobilismo di Marchetti: “Non penso di restare due anni a bagno maria”. In mezzo, la dissoluzione del blasonato Circolo de “La Tribuna” dove uno degli iscritti, Graziano Vatri, ha dato le dimissioni dalla compagine dopo aver organizzato la serata sul referendum. La frattura col neo presidente-questurino Therry Snaidero è irrimediabile. I bei tempi di Walter Piacentini presidente sono solo un ricordo.

Ma il retroscena che ribalta la scena friulana è il nervo scoperto della dimezzata ASP-Moro nel cui Cda sono rimasti solo Mazzola, Monai e Luciano La Tona, con quest’ultimo che riveste il ruolo di presidente facente funzioni. Ad oggi nessun esponente di partito di maggioranza ha risposto all’appello del sindaco-ducetto per fornire un nominativo da inserire nel Cda. Inoltre, il consiglio comunale è in attesa da mesi di ascoltare la relazione sui conti del presidente. Tuttavia in questo marasma, un sussulto c’é: dalla sede di viale Duodo rimbalza un nome per la presidenza che da mesi è vacante, quella del manager internazionale Luigino Pozzo, uno dei titolari della PMP PROMEC di Coseano (Ud) e azionista di Telefriuli. Marchetti avrebbe puntato i fanali sul manager per sollevare l’azienda dall’incertezza cui si trova. Quali incastri e relazioni si nascondono dietro questa candidatura? La triangolazione è quasi disegnata e indica un traguardo, quello della primavera del 2022. A meno che…    

Related posts