20 Settembre 2019 - 6:34 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

ManiKomioUdine Exxx…Polzive!!! Spunta l’asse Govetto-Roiatti-Pizzocaro; Vidoni chiede le politiche giovanili; l’assessore Perissutti resta al suo posto; il sindaco smentisce le linee programmatiche, via libera a nuovi centri commerciali.

E’ terminato poco fa il vertice invocato dal centrodestra cittadino per la questione assessori senza copertura in giunta. Premessa: a Udine la maggioranza è spaccata in tre tronconi. Da una parte le sacerdotesse (Roiatti, Paoletig, Laudicina, Battaglia, Marioni) che orientano il menestrello, dall’altra i caporali, Franz, Ciani, Ioan, Michelini, Pizzocaro… fedelissimi del sindaco e in mezzo gli irregolari, Pittioni, Falcone ecc.

Un ircocervo irriconoscibile cui stasera è stato messo alla prova. Le minacce di crisi non hanno sortito alcun effetto plastico. Anzi, vi sono novità di estremo interesse. La prima: si va formando un nuovo gruppo consiliare fiancheggiatore della maggioranza. Animatore il consigliere ex UDC Bortolin che trascinerebbe con sé anche Govetto, pupillo della Roiatti e sindaco ombra di Udine e pure Pizzocaro che in questo modo salverebbe le terga. Della squadra farà parte anche un componente del centrosx moderato il cui nome per ora è top secret. Questa formazione è destinata ad ambire alla giunta. In quanto alle novità di rilievo viene registrata quella del sovranista Vidoni che, da commissario del partito della Meloni in città, ha chiesto la delega alle politiche giovanili e una sfilatura alla delega al personale della Olivotto.

L’incontro ha avuto come appendice il percorso del programma, in particolare è rispuntato il progetto di allargamento di un insediamento commerciale al Terminal Nord. Una supposta che gli assessori Pizzocaro e Perissutti vogliono infilare alla maggioranza malgrado lo stesso Fontanini, durante il discorso d’insediamento dello scorso anno, avesse respinto qualsiasi ipotesi di allargamemto. Evidentemente vi sono degli interessi economici sottobanco che superano le promesse elettorali che erano state esposte nel maggio dello scorso anno. Le parole di Fontanini:

 

“(…) Le nostre proposte in materia urbanistica sono finalizzate a regolare lo sviluppo del territorio seguendo come criteri prioritari il risanamento, la vivibilità e il recupero. Privilegiare il recupero del patrimonio esistente, nel rispetto della normativa. La difesa dei luoghi passa infatti attraverso il rispetto dei vincoli, il recupero e lo riqualificazione.

Inoltre prevediamo la revisione del Piano regolatore generale comunale nell’ottica di favorire chi senza alcuna colpa si è trovato penalizzato. Intendiamo disegnare un futuro nuovo per tutte le zone “H” presenti in città, tenendo conto delle mutate esigenze che implicano una riduzione delle stesse e stop a nuove grandi strutture di vendita.”

Related posts