10 Luglio 2020 - 4:01 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

PoltronificioCarnico Exxx…Polzive!!! Confermate le doppie anticipazioni di Leopost: Siagri al Cosilt e Mareschi direttore dell’Uti. Polemiche per la nomina di Clara D’Agaro in Boschi Carnici. La regia del rag. De Fazio di Codroipo sulla fusione “Boschi Carnici” con “Carniambiente”. Esclusivo.

Siagri è il nuovo presidente del Cosilt, il consorzio industriale della Carnia o Carnia Industrial Park.   

Denso di significato politico l’incarico di Direttore Generale dell’Uti Carnia al pensionato Giuseppe Mareschi. Sarà lui a traghettare la sfortunata Unione Territoriale di Serracchiani verso il nuovo ente Montano voluto da Fedriga. 

Confermate le anticipazioni di Leopost che rivelano un’intensa attività trasversale elaborata per raggiungere l’intesa su Mareschi dopo il lungo periodo di Crozzolo, il dirigente più prorogato d’Italia.

Questa operazione apre scenari impensabili fino a qualche mese fa. L’asse moderata Cacitti-Brollo si salda con il calore di altri esponenti alpini quali Paschini, Coradazzi e Gonano. Una combinazione che fa pensare a una Große Koalition cucita su misura del sindaco Brollo, in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Quelli con vista Trieste per capirci. Lo stesso mosaico ha portato a rispettare un accordo preso ancora tempo fa nel Consorzio Boschi Carnici, ovvero l’allargamento del Cda presieduto dal Forzista Cacitti.

Rispolverare l’accordo ha fatto venire il mal di pancia ad alcuni sindaci delle valli, su 12 presenti solo 7 hanno votato a favore dell’ingresso della pensionata Clara D’Agaro, il cui marito è assessore alla protezione civile del comune di Rigolato. Scelta che non è stata gradita da una buona parte dei soci del Consorzio (pur essendo in quiescenza, la mesata della D’Agaro si aggira attorno ai 530 euri/mese).

Ravascletto ha votato contro; Ampezzo, Preone. Villa Santina e Socchieve si sono astenuti.

L’adunanza del 19 giugno scorso, ha riservato anche un’altra novità, quella della fusione per incorporazione di Carniambiente con il Consorzio Boschi Carnici. Il progetto di fusione è stato predisposto dal ragioner Alberico De Fazio di Codroipo, il professionista è molto vicino al gruppo di ProgettoFvg di Bini. 

Related posts