26 Novembre 2020 - 9:47 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

PolverieraAquileia Exxx…Polzive!!! Sequestrata la verità. Nel mirino di Zanardi Landi finiscono Zorino, Mattiussi, Gibelli. Capitombolo di Forza Tragica. Esclusivo.

 

Ancora veleni dopo le dimissioni di Zanardi Landi da presidente della Fondazione Aquileia. Una lunga lettera ricca di spunti e di retroscena è stata pubblicata sul Messaggero Veneto di oggi. Lo sbrego e le accuse sono ferocissime. Il diplomatico definisce come «PostVerità» la pietosa vicenda dei rimbalzi di responsabilità rispetto alle cause che hanno portato alle sue dimissioni. Finiscono sul banco degli imputati l’assessore Gibelli, spedita in Friuli da Milano dai tragici Dal Mas-Stefania Craxi, il sindaco di Aquileia Zorino e il consigliere regionale Mattiussi. Gibelli e Zorino osservano che l’attività della Fondazione nell’ultimo anno e mezzo: «è rimasta ferma».

 

La questione Aquileia è ben più grave di quanto possa sembrare e va incastrata in un quadro geopolitico allargato, più ampio di quello dell’agro. Via Maurizio Castagna di  Autovie, salvato da Serracchiani Zeno D’Agostino al porto, via Zanardi Landi da Aquileia. Miopia politica spaventosa le cui vittime sono le nuove generazioni e l’economia regionale. Miserie partitiche anteposte ai valori individuali.

L’intervento di Zanardi Landi apparso oggi, trae spunto dall’audizione in commissione regionale dove l’assessora di Forza Tragica Gibelli aveva accusato di inerzia l’attività della Fondazione in questo ultimo anno e mezzo. Una versione che l’ex presidente non accetta e che respinge elencando tutta una serie di iniziative che si sono svolte in nel periodo in questione. Il diplomatico poi spiega di aver cercato più e più volte l’assessore senza avere mai ricevuto risposta. Per questo motivo si era rivolto direttamente a Fedriga 〈Gibelli, inopportunamente, dirà: «meglio così…un appuntamento in meno»〉. Ma Zanardi Landi affonda il dito nella piaga forzista e chiama in causa anche Franco Mattiussi: «Gli ho chiesto di spezzare una lancia in mio favore, chiedendo un incontro con l’assessore». Nulla da fare, dal quartier generale dei tragici l’ordine è tassativo: Zanardi Go out. E’ questa della Fondazione Aquileia una brutta pagina del Friuli, accecato da logiche partitocratiche e personalismi devastanti. Tuttavia l’ex presidente rileva che c’è ancora un briciolo di speranza ricondotta alla proposta, guarda un pò, di Honsell che consiste nella creazione di una mini commissione. Honsell, il terzomondista, europeista e già sindaco di Udine.  

Related posts