3 Giugno 2020 - 1:21 am


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

PolverieraCodroipo Exxx…Polzive!!! Spunta il modello “Caneva-Innovatori” per il 2021: Centrodestra unito con gli storici alleati politici. Già sgonfiata l’ipotesi Andrea D’Antoni sponsorizzata da Zanin. Nuovi incarichi per Thierry Snaidero. Il ruolo del Cardinale Richelieu del Medio Friuli. Esclusivo.

Lega-Forza Italia-ProgettoFvg-Fratellid’Italia e civiche, uniti sulla candidatura di un unico candidato sindaco. 

Manca poco più di un anno alle elezioni comunali di Codroipo, eppure l’ambiente è già surriscaldato. Il primo elemento di chiarezza giunge da Caneva (Pn) comune di oltre 6mila abitanti che in primavera andrà al voto. Il capogruppo consiliare e segretario della Lega Francesco Zoldan è chiaro: “La Lega sta lavorando per un confronto costruttivo per il futuro di Caneva e lo stiamo facendo per un centrodestra unito”. Il discorso di Zoldan s’incastra perfettamente con la piattaforma friulana degli “Innovatori” battezzata da Bini e Riccardi qualche mese fa ai Gelsi di Codroipo. Il nuovo incubatore politico del centrodestra friulano è impegnato ad aprire un dialogo e proposte concrete con i cittadini, a partire dal candidato sindaco di Codroipo che sia alternativa nuova e giovane per rompere con i soliti schemi. Garanti dell’operazione: Bini, Riccardi e Fedriga. In conseguenza di questa accelerazione viene a sgonfiarsi la candidatura del pacione D’Antoni. Il metodo aveva sollevato più di qualche perplessità visto che la proposta era stata calata da un ex sindaco di Talmassons e l’orgoglio codroipese mai avrebbe accettato un diktat esterno. Per converso, appare in gran spolvero l’agibilità civica del “questurino ficcanaso” Therry Snaidero. Verso la metà della settimana entrante, assumerà la carica di Presidente dell’autorevole circolo locale de “La Tribuna”, un gruppo di influenzatori che dibatte sulle questioni del Medio Friuli. Secondo rimbalzi codroipesi, al neo pensionato impiccione, la presidenza potrebbe essere funzionale, in primo luogo, per evitare i giardinetti, e successivamente per infilarsi nell’agone politico e lanciare un paio di nomi che ha in testa (vedi elezioni 2016) per la scadenza del 2021. Tuttavia dietro le quinte l’attività sismografica è ancora molto intensa: Il sindaco uscente Marchetti si diverte a prendere per il culo l’assessore di Fratelli d’Italia Nadalini; il Cardinale Cesarino Toso, dottor sottile della politica codroipese, in stretta relazione con Riccardi e l’infaticabile Enrico Valoppi cui va il merito di facilitare le relazioni sul frastagliato terreno del centrodestra friulano. 

Related posts