17 Novembre 2019 - 9:26 am


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

SalviniRenzi Exxx…Polzive!!! Scintille a Porta Porta. Il leghista s’illumina: “Sono al 33%, lui al 4”. Il fiorentino: “Siamo andati in parlamento e lo abbiamo messo sotto”.

Siparietto molto divertente all’uscita degli studi Rai nel dopo Porta-Porta. Renzi sbaglia auto e sale su quella di Salvini. Il leghista afferma di essere molto soddisfatto di come è andata la puntata: “Ho visto Renzi molto nervoso….ma io oggi sono contento per il voto di mia figlia”. Ecco la sintesi di Dagospia del match fra i due registrato questa sera negli studi Rai. 

Il dibattito sul luogo delle vacanze tiene banco: «Non giudico le ferie delle persone. Ma avrei preferito che fosse andato in missione ai vertici europei – dice Renzi – Le riunioni europee sono importanti: lei ha fatto sette vertici, partecipando solo a uno su sette. Ha votato al Senato l’1,3% delle volte. Stare in spiaggia con il figlio è legittimo ma se fai il ministro non vai nelle sagre di Paese. Dovrebbe andare al G7, non alla proloco». Si passa poi alla carriera: «È 27 anni che fa politica, non ha portato a casa nulla, Salvini. Solo spot. La sua è la politica degli spot». La replica di Salvini è sui numeri: «Per me quelli della Proloco non sono minus habens. Sì: adoro l’Italia dei Paesi, delle sagre e dei campanili – sostiene Salvini – I casi sono due: o gli italiani sono cretini e io non ho fatto nulla, non vado alle riunioni e mangio come un bufalo…quindi o sono tutti rimbambiti o, visto che io ad oggi sto al 33% e lui al 4%, qualcosa di buono l’ho fatto».

Ripercorrendo quanto accaduto ad agosto, Renzi spiega i motivi della sua mossa: «Salvini ha fatto una cosa senza capo né coda. Voleva portare il paese al voto, ci ha spiegato che dovevamo alzare le terga e andare in Parlamento. Ci siamo andati e lo abbiamo messo in minoranza” racconta, sostenendo che lui non voleva “fare l’accordo con 5 stelle ma siccome che c’era di mezzo l’interesse del paese, allora lo abbiamo fatto». Per tre motivi: “Il primo abbassare lo spread, secondo non aumentare l’Iva e terzo per tornare protagonisti in Europa. Non si fa la guerra a Francia e Germania per un like in più”.

Related posts