28 Gennaio 2021 - 4:45 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

VaccinoRosso Exxx…Polzive!!! La casta friulana cogliona Riccardi e Braganti. Corsia preferenziale per il vaccino a un’assistente di minori stranieri. Chi ha classificato le milionarie Onlus di accoglienza minori come le RSA? Ipotesi di abuso d’ufficio. Esclusivo

Dopo il medico-psichiatra in pensione Rotelli 〈solide radici PCI〉, anche la friulana Sara Rosso, consigliera comunale del PD a Udine, ha ottenuto una corsia preferenziale per farsi iniettare il vaccino presso l’ospedale di Udine. Corredata dall’autocelebrazione di rito e la prosa esultante, la paraculata del direttore Braganti ha documentato sulla piazza più famosa d’Italia l’emozione dell’iniezione. A precisa domanda di un commentatore dello storico episodio diffuso in rete, la consigliera comunale del PD ha risposto che la ragione per cui è stata vaccinata è relativa al fatto che «…lavoriamo in una comunità assistenziale 〈Onlus Oikòs〉, per farla breve come le RSA». In un sol colpo bidonati Riccardi, Speranza, BruciaFerro e il piano strategico delle somministrazioni. Segue...

In Friuli, e solo in Friuli, le Onlus di assistenza minori non accompagnati sono riconducibili alle RSA. Anziani e minori, friulani e stranieri. Tutto si tiene. Resta il fatto che il piano strategico del ministero in merito ai vaccini è chiaro. “Via prioritaria alle seguenti categorie: Operatori sanitari e sociosanitari “in prima linea”, sia pubblici che privati accreditati. Costoro hanno un rischio più elevato di essere esposti all’infezione da COVID-19. Seguono i Residenti e personale dei presidi residenziali per anziani. Un’elevata percentuale di residenze sanitarie assistenziali (RSA) è stata gravemente colpita dal COVID-19. I residenti di tali strutture sono ad alto rischio di malattia grave a causa dell’età avanzata”. Di quale età avanzata si tratta nelle onlus? Mistero. La stessa assistente paracula, Sara Rosso, rivela che: «sono corsa a vaccinarmi…». Chi è il dirigente sanitario che ha inserito nella lista dei vaccini il nome di un’assistente di minori non accompagnati? Anche in questo caso, come quello di Rotelli, potrebbero configurarsi i profili di abuso d’ufficio per i vertici dell’azienda ospedaliera Friuli Centrale. Un caso di paraculismo italico, poichè il direttore Braganti ritiene che le Onlus di Udine abbiano le stesse caratteristiche delle Residenze per anziani, pur senza i vecchietti. A titolo di cronaca alla Oikòs di Udine è stata affidata l’assistenza di 12 minori stranieri per la durata di un anno. Totale 350mila euri. 〈Vedi Leopost del 9 dicembre 2020〉.

Related posts