26 Novembre 2020 - 9:52 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

ZonaRossaFvg Exxx…Polzive!!! Brusaferro spegne Fedriga: “Dal 3 dicembre possibili ulteriori misure per il Friuli”. Il presidente leghista tenta di sventare il pericolo introducendo mini Zone Rosse. Il Friuli una delle peggiori regioni d’Italia. Esclusivo.

 

Superata la soglia critica del 30 per cento di occupazione nelle terapie intensive e i ricoveri in altri reparti. E’ allerta. Così Fedriga annuncia “ipotesi di zona rossa” in alcune aree della provincia di Udine e di Gorizia, l’ISS di Brusaferro invita le autorità a «valutare la possibile adozione di ulteriori misure di mitigazione» per il Friuli VG. Come dire che dal 3 dicembre il Friuli VG potrebbe precipitare in zona rossa. Secondo i dati contenuti nel monitoraggio, il Friuli è classificato con un’alta probabilità di progredire a rischio massimo nel prossimo mese. Le ulteriori misure sarebbero richieste anche per il Veneto e il Molise 〈un Rt al di sotto dell’1 per cento〉 che attualmente si trovano in zona gialla. Intanto il report di oggi per il Friuli è devastante: sono stati rilevati 1.018 nuovi contagi (il 13,53 per cento dei 7.522 tamponi eseguiti) e 28 decessi da Covid-19. Occorre tener presente che 147 casi sono stati contabilizzati precedentemente. Quindi, il corrispettivo corretto è di 871 casi che resta pur sempre un dato allarmante. In questo senso, Fedriga avrebbe tentato la soluzione di Mini Zone rosse per evitare che la cabina di regia ministeriale spinga la nostra regione nell’abisso della zona rossa. Attualmente, il Friuli Venezia Giulia si trova già in zona arancione mentre Molise e Veneto sono in zona gialla.

 

 

Il Friuli una delle peggiori regioni d’Italia. Gli Rt scendono praticamente dappertutto e in 4 casi scendono sotto la soglia di 1, che coincide con il picco. Eccoli: Abruzzo 1,32, Basilicata 1,46, Calabria 1,06, Campania 1,11, Emilia-Romagna 1,14, Lazio 0,82, Liguria 0,89, Lombardia 1,15, Marche 1,17, Molise 0,94, Piemonte 1,09, Provincia Bolzano 1,16, Provincia Trento 1,03, Puglia 1,24, Sardegna 0,79, Sicilia, 1,14, Toscana 1,31, Umbria 1,06, Val d’Aosta 1,14. Già alcune Regioni sono sotto l’1, vuol dire che la curva dell’Rt sta scendendo, altre comunque ci sono molto vicine. L’Rt deve essere incrociato con il rischio, che è frutto della lettura dei 21 indicatori, dei quali si discute in questi giorni con le Regioni.

Fedriga, durante l’incontro stampa di oggi a Trieste, ha fatto un esempio concreto di quella che potrebbe essere una condotta profondamente sbagliata e capace di alimentare fortemente il contagio. “Bisogna – ha detto Fedriga – che le persone capiscano che se i bar e i ristoranti sono chiusi non per questo si può andare a casa di un amico o di un’altra persona che non sia un congiunto. Farlo non rappresenta un comportamento intelligente, perché proprio in questo ambito si sta sviluppando la trasmissione della malattia”. Mascherina Bianca per evitare la zona rossa. In quanto alla revisione dei 21 parametri, fino al 3 dicembre, scadenza dell’attuale DPCM, non è previsto alcun aggiornamento. 

Related posts