6 Luglio 2020 - 7:00 pm


Il blog più querelato del Nord

Breaking News

ZuglianoEuropa Exxx…Polzive!!! Al centro Balducci oltre 400 persone per Adriano Sofri e Angelo Floramo. Sofri: “Il maestro italiano sputava nella bocca dei bambini jugoslavi”. I colpi di scena dei 2 libri. Esclusivo.

Zugliano (Ud), presidio liberale, laico, democratico, radicale, europeo. 

Due libri: “Il martire fascista”, un saggio storico denso di colpi di scena di Adriano Sofri e la “Veglia di Lubja”, un romanzo storico di Angelo Floramo. Lo scrittore di San Daniele è il vero ispiratore dell’affollatissima serata al centro Balducci di Zugliano salutata dall’introduzione di Pierluigi Di Piazza. Lo stesso Sofri confesserà di aver acquistato a Trieste il libro di Floramo diventato poi utilissimo per completare la sua opera pubblicata per i tipi di Sellerio. La ricerca storica di Sofri incrocia le drammatiche testimonianze sul maestro Francesco Sottosanti, protagonista del libro di Sofri. All’insegnante fascista, lo scrittore giunge grazie a piazza Fontana cui appare la figura di Nino Sottosanti, “figlio di un maestro siciliano ucciso nel 1930 forse da antifascisti sloveni”. 

Una vicenda quasi dimenticata, avvenuta durante il Ventennio lungo la frontiera tra Friuli e Slovenia. Un giallo storico che rivela un contesto politico e ideologico rimasto sottotraccia. All’inizio dell’anno scolastico 1930-1931, il 4 ottobre 1930, nel paesino di Verpogliano/Vrhpolje, qualcuno uccise a fucilate il maestro siciliano Francesco Sottosanti. In una regione in cui lo stordimento per le ultime commemorazioni del giorno del ricordo alla foiba di Basivizza è ancora presente, le documentazioni sul maestro fascista raccolte da Sofri sono impressionanti (va considerato che nel ’30 i maestri italiani non sapevano una parola di sloveno e i bambini neanche una di italiano): “Succedeva regolarmente che il maestro Sottosanti sputasse in bocca ai bambini se pronunciavano anche una sola parola slovena, e per giunta li costringeva a ingoiare lo sputo. Dal momento che Sottosanti era anche tubercoloso, si può capire che oltraggiosa provocazione abbiano costituito le sue azioni tra la popolazione”.

Related posts